Crea sito

GiveAway Contest Italia LIBRO : Il diario del Vampiro Mezzanotte di Lisa Jane Smith – SCADE 05 NOVEMBRE

by leggerelibri on ottobre 23rd, 2011

filed under GIVE AWAYS, REGALI CONCORSI A PREMI

GiveAway Contest Italia

LIBRO 

Il diario del Vampiro Mezzanotte

di Lisa Jane Smith

urban fantasy

Newton Compton Editore

SCADE 05 NOVEMBRE

 

Un bel give away, la possibilità di vincere questo nuovissimo racconto urban fantasy vampiresco, primo libro dei due previsti in Italia, negli USA invece è uscito in unico volume. Puoi ricevere chiarimenti, trama e dettagli sul blog Romanticamente Fantasy che ospita e offre il libro in omaggio. Pochi semplici gesti gratuiti per ottenere questo nuovissimo romanzo vampiresco!

.advertisement

IL SUPERSTITE – Wulf Dorn – Kalte Stille (=Freddo Silenzio)

by leggerelibri on ottobre 11th, 2011

filed under WULF DORN

IL SUPERSTITE 

Wulf Dorn 

Kalte Stille = Freddo Silenzio

 

Wulf Dorn ha lavorato come psichiatra presso una clinica, questa esperienza unita al ricordo della vera paura provata da bambino ne hanno fatto uno scrittore di horror e in seguito di thriller sull’ossessione, il silenzio della rimozione, apatia, ricerca spasmodica di un nuovo senso di realtà per ricominciare a vivere.

Pare che da bambino abbia conosciuto la paura del buio perchè costretto a dovere percorrere un ballatoio sempre al buio per motivi di economia dell’elettricità. Nel suo precedente romanzo “La psichiatra” (genere psicothriller) già ne accenna, libro che non ho letto ma che certo leggerò. In un’intervista spiega: “Quando ho raccontato la storia della cantina volevo mostrare che già da bambino vivevo numerose paure, avevo già avuto modo di sperimentare la paura. Probabilmente queste paure sono state il motore che mi hanno portato a trattarne il tema”.

In questo libro racconta di un ragazzino di 12 anni che in una delle fughe notturne per inseguire fantasmi e occultismo vede scomparire nel nulla il fratellino più piccolo che incuriosito lo aveva seguito. Esperienza che per puro caso segue ad un’altra esperienza traumatizzante di qualche sera prima con la morte in un lago ghiacciato di una ragazza fuggita da una vicina clinica psichiatrica. Morti e sparizioni misteriose a cui assiste impotente. Seguirà la morte del padre che non tornerà da un appuntamento con un mistero e il suicidio della madre incapace di reagire e che lascerà a questo ragazzino un’eredità terribile:  il senso di colpa.

Jan, il protagonista dodicenne, torna nel suo paese natale dopo 23 anni come medico psichiatra fallito (ha perso il lavoro proprio a causa delle sue ossessioni), alla ricerca di sè stesso e per cercare di riempire questo agghiacciante silenzio che lo ha tormentato. Vuole trovare un perché, vuole conoscere di più, vuole affrontare le sue paure per ricominciare a vivere. Altre morti lo tormenteranno, apparentemente psichiatriche dovute a malattie mentali, una serie di personaggi gli ruotano attorno per regalare un finale sensazionale e a sorpresa.
Il thriller è sicuramente avvincente e intrigante, si legge velocemente ma serenamente. Nella terza parte diventa più intrigante e prende il sopravvento la curiosità del finale. Personaggi insospettabili o sospettabili fino alla fine rimangono tali e tutto viene ribaltato nelle ultime pagine. Non c’è un lieto fine, direi che non esiste finale a parte la soluzione del giallo.

Piccola nota: da noi difficilmente può accadere che uno psichiatra arrivi a questo punto, dopo laurea in medicina e corso di specializzazione in psichiatria non possono praticare prima di altri 4 anni di terapia personale. Quindi è difficile che particolari tematiche a rischio vengano portate, trascinate fino alla pratica della psichiatria.

LA BIBLIOTECA DEI MORTI – Glenn Cooper – Library of the Dead (2009)

by leggerelibri on ottobre 11th, 2011

filed under GLENN COOPER

LA BIBLIOTECA DEI MORTI 

di Glenn Cooper

Library of the Dead

 

Il primo romanzo dello scrittore archeologo newyorkese che è anche produttore e sceneggiatore cinematografico. E si percepisce leggendo. Scene descritte  molto bene, sembra davvero di vivere il libro, si riesce ad immedesimarsi. Nonostante faccia abuso di analessi, flashback in quattro periodi storici diversi, dal 777 ai giorni nostri passando per il 1297 e il dopoguerra nel 1947, per terminare con un  2027 di cui nulla si può sapere se non leggendo il prosieguo “Il libro delle anime”.

Un thriller che parte dal 7 luglio 777 (7/7/777) il giorno della nascita di due gemelli, la superstizione di una nascita di un settimo figlio di un settimo figlio e di un ottavo che poi si rivelerà in realtà il vero settimo figlio. La superstizione porta il padre ad uccidere uno dei due gemelli, il primo a nascere, per scongiurare cattivi destini ma si rivelerà un errore fatale. Il secondo nato sarà un bambino particolare, il primo di una progenie di bambini particolari, con un compito preciso: creare la biblioteca dei morti. Un elenco di nomi e date di nascite e morti da allora fino al 2027. Nascerà l’ “Ordine dei Nomi”. La biblioteca conterrà 700.000 volumi di nomi e date, viene sigillata nel 1297 per nasconderla ad un’umanità non ancora pronta a questa rivelazione (aggiungo io, l’umanità non sarà mai pronta ad una tale rivelazione). Rimarrà sepolta fino alla sua scoperta. Truman e  Churchill decideranno cosa farne e se e come utilizzarla.

Si parla di amici di università, compagni di stanza che prenderanno strade diverse ma i cui destini si intrecceranno, si parla di un fantomatico assassino seriale chiamato Doomsday (Giorno del Giudizio) per delle strane cartoline inviate a persone slegate una dall’altra, senza nulla in comune, impossibile da scoprire perché ……

Non posso spiegare il perché, rivelerei il finale. Presente il tipico bravo e geniale detective americano, stravagante e in crisi esistenziale e l’informatico asociale e disadattato. Predestinazione o libero arbitrio? La fine del mondo è già stabilita o il mondo non finirà mai? Interrogativi che sono nati con l’uomo e che rimarranno irrisolti. Per fortuna aggiungo! Eventuale certezza della predestinazione sarebbe devastante per l’uomo ed è facile immaginare il perché. Lo stesso scrittore fa un breve accenno a questa possibilità ed è facile comprenderne le conseguenze se l’umanità intera potesse avere certezza del proprio futuro.

Nel complesso un bel libro, sicuramente un giallo ben sviluppato, troppi flashback che spaziano nei secoli ma riuscendo ad immedesimarsi nei personaggi, lo scrittore abilmente lo facilita, si riesce a seguire bene.  Tutto sommato trovo il libro vagamente inquietante ma intrigante. Devo dire comunque che non sento l’impellente necessità di leggere il seguito. Vedremo!