Crea sito

GiveAway Italia Premio : LIBRO “Guida ufficiale illustrata alla saga di Twilight” di Stephenie Meyer – SCADE 23 MAGGIO

by leggerelibri on aprile 21st, 2011

filed under GIVE AWAYS, REGALI CONCORSI A PREMI, STEPHENIE MEYER

GiveAway Italia Premio

LIBRO

“Guida ufficiale illustrata alla saga di Twilight”

di Stephenie Meyer

SCADE 23 MAGGIO

In questo libro ufficiale la scrittrice Stephenie Meyer illustra tutti i segreti e argomenti inediti come i suoi appunti personali per conoscere meglio i personaggi o ciò che le è stato di ispirazione nella creazione dei personaggi di questa Saga di enorme successo mondiale! Un libro speciale da un blog speciale. Un regalo esclusivo!

Vedi recensione, foto, dettagli e regolamento su TIFFANY


DANZE DALL’INFERNO – Stephenie Meyer, Meg Cabot, Kim Harrison, Michele Jaffe, Lauren Myracle – 2009

by leggerelibri on marzo 23rd, 2011

filed under STEPHENIE MEYER

Stephenie Meyer è nata e ha sempre scritto libri per ragazzi, soprattutto adolescenti. Con la Saga di Twilight ha raggiunto un pubblico sicuramente più vasto, nata per ragazzi ha poi conquistato tutte le età e ne è nata persino la “Twilight Mania“. Una lettura avvincente, emozionante e sicuramente con grandi contenuti!

Non è riuscita nell’intento con questo libro che nasce e rimane un libro per ragazzi molto giovani e, secondo me, per età non superiori all’adolescenza. Io l’ho letto ma come un fumetto. Leggero leggero. Direi carino!

Forse la collaborazione con altri scrittori? Forse davvero la Meyer ha bisogno di riposo? (questo libro è posteriore a Breaking Dawn). Già con Breaking Dawn avevo notato un pò di stanchezza, avevo notato troppi cambiamenti di stile e addirittura avevo pensato che la Meyer avesse fatto scrivere il libro da qualcun’altro. Forse Twilight è stata una eccezione e non si ripeterà?

******************

Cinque racconti, cinque scrittori per ragazzi. L’ultimo di Stephenie Meyer non è il più bello come ci si aspetterebbe dopo avere letto Twilight. Brevi racconti, tutti ambientati durante il “Ballo di fine anno” (tipica abitudine americana) o dintorni.

– “La figlia dell’ammazzavampiri” di Meg Cabot dove una ragazza segue le orme della madre poi trasformata in vampiro e un padre che è assente perchè trascorre il tempo a cercare un siero “antitrasformazione”

“Il mazzolino” di Lauren Myracle 3 amici si recano da una maga dove rimediano un mazzolino di fiori secchi magici che permettono 3 desideri a chi lo possiede ma va usato bene

– “Madison Avery e la F.A.L.C.E.” di Kim Harrison una ragazza per rimediare ad un ballo di fine anno e un accompagnatore  noioso finisce nelle mani di un attraente ma pericoloso “mietitore di anime”

“Provaci ancora, signorina Kiss” di Michele Jaffe troviamo Miranda una ragazza con “poteri speciali” un misto di superforza, superudito etc  e un lavoro speciale, scorate  e proteggere una ragazzina “speciale” anche se con poteri diversi

– “Ballo Infernale” di Stephenie Meyer un demonio dall’inferno cerca di creare scompiglio alla festa, cerca di rovinare i piani di tutti, di metterli uno contro l’altro. Riesce con tutti tranne con un giovane ragazzo “Gabe” che si rivela un “angelo” e rimette tutto a posto

BREAKING DAWN – Stephenie Meyer – La Saga IV – 2008

by leggerelibri on marzo 22nd, 2011

filed under STEPHENIE MEYER

Breaking Dawn : impostazione diversa.

Non più scritto sempre in prima persona a nome di Bella Swan ma diviso in 3 parti : Libro Primo, Secondo e Terzo. Nel libro Primo e Terzo la scrittrice fa parlare Bella Swan, nel Secondo fa parlare Jacob!

Libro Primo

Edward e Bella si sposano, festa di matrimonio, viaggio di nozze in un isola (ESME) di proprietà dei Cullen, prima notte di nozze con alcuni guai fisici per Bella dovuti alla troppa forza di Edward, le successive vanno meglio anzi direi splendidamente. Dopo qualche giorno si scopre la prima “anomalia” : Bella è già incinta e in pochi giorni “avanzata gravidanza” quindi seconda “anomalia“. Decidono di abbandonare l’isola, tornare a Forks e Edward ha in mente di porre  rimedio in modo drastico. Bella non vorrà!

Libro Secondo

Parla Jacob! A Charlie il papà di Bella viene detto del rientro ma nascondono ovviamente la verità. Parlano di quarantena per una malattia strana. Il feto cresce in modo esagerato e comincia a fare del male a Bella per le dimensioni, la forza (costole rotte e dimagrimento esagerato) e il nutrimento. Evidentemente un mezzo vampiro, si nutre del sangue di Bella. Cercano di compensare e Bella comincia a bere sangue umano ma acquistato presso centri trasfusionali. Jacob comunica al “branco” dei licantropi il problema. Il branco vorrebbe uccidere madre e figlia ma Jacob si oppone. Già sente un legame speciale con la figlia di Bella.

Dopo circa un mese nasce la bimba, bellissima e perfetta ma Bella è ridotta in fin di vita da questa gravidanza e infine dal parto viene salvata da Edward che la trasforma in Vampira.

Libro Terzo

Nasce la bimba che viene chiamata Renesmee (da Renee mamma di Bella e Esme mamma di Edward). Amata da tutti, cresce a vista d’occhio, non se ne conosce l’evoluzione ma dopo pochi giorni è come se fossero passati anni. La bimba ha sangue nelle vene come gli umani ma i “doni” dei vampiri. Ha un dono speciale nel fare innamorare tutti di se. Chi la vede se ne innamora. Jacob ha l'”imprinting“. Durante un gioco/esercitazione della bimba con Bella (che ha poteri di protezione “scudo” viene vista da una vampira, Irina, che riferisce ai Volturi. I Volturi non possono permettere che la bimba cresca, già trovano scomodi i Cullen perchè esempio troppo positivo di “famiglia” per “amore” e ancora più pericolosa la solidarietà e l’unità che dimostrano. Cattivo esempio che non va incoraggiato. Anzi cercano un pretesto per cancellarli, annientarli. Questi si recano dai Cullen che nel frattempo hanno riunito un’altra famiglia come la loro e vari testimoni sparsi per il mondo, vampiri con cui avevano avuto buoni rapporti. I testimoni sono fondamenteli da opporre ai Volturi. Un aiuto e una voce da mandare in giro per fare sapere l’ingiustizia e la cattiveria dei Volturi. Per mettere “in chiaro” i veri intenti dei Volturi cioè mantenere la società individualista vampiresca e le distanze dagli umani da usare solo come cibo.

Finale

La battaglia con i Volturi, che proprio non possono permettere che i Cullen facciano crescere la loro famiglia e soprattutto non vogliono permettere che i vampiri si mescolino con gli “umani”. Un problema razziale e di ordine sociale ^_^

Torna anche Alice che a inizio libro era sparita (fuggita?) con il marito Jusper e con loro portano una sorpresa ………….

************************************************************

Un libro (il IV) completamente diverso dai primi tre della Saga Twilight! Così diverso da lasciarmi perplessa! Devo dire che a tratti era quasi banale. Non avvincente! Sensazione mai provata con i primi 3 libri. Durante la lettura avevo come la sensazione che il libro non fosse stato scritto dalla stessa persona che ha scritto i primi tre. La sensazione che a scrivere non fosse Stephenie Meyer!

I primi tre volumi assolutamente imperdibili, avvincenti, emozioni adolescenziali e adulte espresse in modo meraviglioso. Coinvolgenti e talmente veri e reali da poterli attribuire a me o a chiunque di noi! Bravissima nel mettere per iscritto sentimenti, emozioni, paure, dubbi. Perfetto!

Nel IV dalla Saga sembra quasi una cronologia dei fatti. Non ti senti coinvolto, non si partecipa alle vicende. Sembrano viste “da fuori” e raccontate senza una partecipazione totale.E comunque anche lo stile di narrazione si discosta assolutamente dai tre precedenti.

Spulciando ho controllato i nomi dei traduttori. Nei primi due il traduttore è uno solo “Luca Fusari“, già nel terzo si associa, si aggiungono un secondo  e un terzo traduttore : Federica D’alessio e Chiara Marmugi. Non si percepisce molto la differenza. In Breaking Dawn i traduttori diventano 5 : oltre a Luca Fusari si trova la collaborazione di altri quattro.  Secondo me ciò che conta è che evidentemente Luca Fusari, eccellente traduttore, ha avuto dei problemi e si è fatto aiutare (o gli è stato imposto?). Questo aiuto è stato determinante, secondo me, nel modificare completamente lo stile.

Mi chiedo : è colpa dei traduttori o Stephenie Meyer deve riposarsi perchè sembra avere esaurito la vena artistica, l’ispirazione?

Aspettiamo il film per vedere qualcosa di interessante e avvincente?

Peccato, un vero peccato. A volte fare una piccola pausa è più utile per ritrovare l’ispirazione e  guadagnare con l’editoria. Troppa sete di guadagno forse reca danno alla qualità?

.advertisement